ORA! Diario del mese di novembre 2017

26 novembre

Serata di festa a Villa Manin a Passariano per la cena annuale della Polisportiva Libertas di San Vito, una realtà che, con il suo team di dirigenti e allenatori, continua a crescere e a far crescere i ragazzi nella pratica sportiva. Ieri ad accompagnare le premiazioni insieme al presidente Giancarlo Barel c’era anche l’indi

menticabile schermitore Michele Maffei, campione olimpico di Monaco ’72, che ha richiamato tutti alla pratica sportiva come palestra di generosità.

 

*****************

Mattinata dedicata al congresso del circolo PD di Sacile, insieme al segretario provinciale Giuliano Cescutti e ai consiglieri regionali Chiara Da Giau, Renata Bagatin e Renzo Liva. Insieme al grazie alla segretaria uscente Patrizia Del Col, vanno gli auguri corali di buon lavoro al nuovo segretario unitario Ivo Lot, che ha lanciato un bel piano di lavoro “Sacile città aperta”, in vista tra l’altro delle prossime elezioni comunali

 

25 novembre

Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne condivido un quadro riassuntivo delle azioni promosse, gli impegni presi, le risorse impegnate e i risultati raggiunti durante questa legislatura per il contrasto della violenza e la protezione delle vittime.

 

24 novembre

Ieri pomeriggio cerimonia semplice e toccante in municipio a Maniago, per la consegna della Costituzione italiana ai neo diciottenni.
Bravi i ragazzi e brava l’assessore alla cultura Anna Olivetto con tutta la squadra del sindaco Andrea Carli, presente anche Cristina Querin, che ha voluto inserire in questo “rito di passaggio” anche la testimonianza di due “giovani” resistenti maniaghesi che giovani lo erano davvero negli anni in cui la Costituzione è stata scritta, e si sono impegnati concretamente perché i suoi diritti e i suoi doveri diventassero le fondamenta della nostra convivenza civile.

**************

Ora presso la sala consiliare della ex provincia di Pordenone per l’avvio del secondo progetto Fortezza FVG, promosso da Legambiente. Un progetto presentato da Renato Marcon, presidente del circolo Fabiano Grizzo, che ha la volontà di proseguire lungo la strada tracciata nel 2014 e che prende avvio in particolare da una riflessione sulle potenzialità delle aree di servitù militare ad alta qualità naturalistica. Le aree militari e le aree naturalistiche sono spesso sovrapposte. Esattamente il caso dei Magredi del Cellina-Meduna della destra Tagliamento.

20 novembre

Stamattina sono a Udine su invito di Erica Mastrociani, presidente di Acli FVG per incontrare i giovani delle classi terze di Enaip FVG di Udine e Trieste.
Con i ragazzi e le ragazze dell’istituto affrontiamo assieme le tematiche della cittadinanza attiva per sensibilizzarli e riflettere con loro sui valori della democrazia, della partecipazione attiva e del diritto di voto.

 

 

17 novembre

Ora a Pordenone per il terzo appuntamento della Settimana Sociale della diocesi di Diocesi Concordia-Pordenone dedicata a “IL LAVORO CHE VOGLIAMO”. In continuità con l’appuntamento nazionale di Cagliari, una riflessione doverosa in una stagione che continua a proporre trasformazioni e nuovi problemi in un campo essenziale per la cittadinanza e soprattutto per lo sviluppo in pienezza dell’identità personale e comunitaria.
Una frase su tutte ha attratto la mia attenzione nell’intervento di Maria Cristina Piovesana, presidente di Unindustria Treviso: “All’estero ci guardano e ci vedono in generale molto migliori di come ci rappresentiamo noi!”
Torna alla mente l’annotazione fatta mercoledì scorso da Nando Pagnoncelli alla Camera, sulla distanza abissale che separa i dati di fatto dalla percezione e dalla rappresentazione negativa che la maggioranza delle persone fa della società italiana.

 

 

16 novembre

Ora in sala stampa alla Camera alla presentazione del libro 200 INSULTI A UN GIORNALAIO SERVO DELLA KA$TA di Fabio Salamida dedicata a descrivere il fenomeno degli hater.
Insieme all’autore il giornalista Paolo Pagliaro, che presenta sinteticamente il libro come una “candid camera” sulla rete che deve far riflettere.
Interventi anche dei colleghi Roberto Morassut e Mara Mucci. Paolo Beni infine presenterà la proposta di legge che ho sottoscritto, per contrastare l’istigazione all’odio e alla discriminazione (hate speech)

 

15 novembre

Oggi pomeriggio un buon appuntamento alla Camera per discutere con numerosi amici deputati e non a proposito delle attese e del profilo in evoluzione del mondo cattolico in relazione alla politica. A stimolare la discussione le analisi diNando Pagnoncelli

13 novembre

Stamattina a Sacile (PN) sono al Liceo Pujati per incontrare le classi IV e V.
Un’occasione importante per parlare, discutere e sensibilizzare le ragazze e i ragazzi sui temi della democrazia, della partecipazione attiva e del diritto di voto.

8 novembre

Stamattina apriamo alla Camera con il Forum per la Finanza Sostenibile la settimana degli Investimenti Responsabili e Sostenibili

***

Ora in commissione difesa per l’audizione congiunta della Ministra della difesa Roberta Pinotti e della Viceministra alle attività produttive Teresa Bellanova, a proposito dell’istituzione del fondo e del piano per la costituzione della difesa europea.

4 novembre

Ora a Udine per il Forum sullo Ius Soli-Ius Culturae promosso dal professor Orioles e da numerose sigle sindacali e della società civile. Una buona occasione, anche attraverso le testimonianze dei ragazzi stranieri che abitano le nostre scuole, per ricordare le opportunità culturali e di diritto per assicurare la cittadinanza italiana. La cittadinanza è da sempre una regola in itinere. Modificare quelle attuali segue le evoluzioni civili, economiche e demografiche anche dell’Italia.
Nel mio intervento ho espresso tra l’altro la convinzione che prima del termine della legislatura, uscendo dalle schermaglie culturali e simboliche usate strumentalmente in chiave politica, vi sarà l’approvazione della legge al Senato, così come già approvata alla Camera.

 

3 novembre

Domani sarò ospite a Udine per parlare di ius soli temperato e ius culturae

IUS SOLI: OGGI SCIOPERO DELLA FAME PER UNA BATTAGLIA DI CIVILTA’

Nella giornata di oggi aderisco alla sciopero della fame a staffetta per la campagna “Non è mai troppo tardi” a favore dello IUS SOLI, promossa da A Buon diritto, Radicali italiani, Italiani senza cittadinanza, Arci, Insegnanti per la cittadinanza.

In queste ultime settimane, si è aperto uno spiraglio parlamentare per l’approvazione del disegno di legge sullo Ius soli.
Si tratta di una possibilità di assoluta importanza, essendo ormai non rinviabile il superamento del modello di cittadinanza su base etnico-territoriale. Un modello che esclude dal riconoscimento di diritti essenziali troppe persone nate, cresciute e pienamente integrate in Italia, o comunque intenzionate a esserlo.

Qui potete trovare alcune slides sul tema dello Ius Soli:
https://www.giorgiozanin.com/wp-content/uploads/2017/11/ZANIN_IUS-SOLI.pdf

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA’. ECCO LE PROPOSTE PER LA LEGGE DI BILANCIO

Che ci sia ancora molto da fare, sul piano economico, lavorativo e culturale, per riempire le culle vuote del nostro Paese, questo è innegabile.
Tanto quanto il fatto che l’interesse per la tematica in Parlamento esiste e la ricerca di strategie per contrastare il preoccupante calo demografico è di prioritaria importanza per molti deputate e deputati.
Il lavoro è ancora lungo, ma è giusto riconoscere il lavoro svolto, che vi propongo qui brevemente.
Ecco un riassunto delle misure già attuate negli anni precedenti e mantenute per il 2018:

PREMIO ALLA NASCITA O ALL’ADOZIONE DI UN MINORE: 800 euro al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione.

SOSTEGNO ALLA NATALITÀ: Fondo di sostegno alla natalità, volto a favorire l’accesso al credito delle famiglie con uno o più figli, nati o adottati, a decorrere dal 1° gennaio 2017, mediante il rilascio di garanzie dirette, anche fideiussorie, alle banche e agli intermediari finanziari

BUONO ISCRIZIONE ASILO NIDO

VOUCHER BABY SITTER

BONUS BEBE’ – il PD chiede la proroga per il 2018 dei 960 euro l’anno per tre anni alle famiglie con ISEE massimo 25.000

CONGEDO OBBLIGATORIO PATERNITÀ

Nel 2018 i giorni saranno 4 + 1 previo accordo con la madre e in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.
Nella proposta di Legge di Bilancio 2018 AS 2960 le misure nuove previste sono:
> Articolo 30 istituisce nello stato di previsione del Ministero dell’economia un nuovo Fondo da destinare a interventi per le politiche della famiglia, con una dotazione pari a 100 milioni di euro annui, a decorrere dal 2018

> Articolo 40, comma 12 (Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano) la lettera d) dispone che il Fondo sia destinato anche a sostenere la maternità delle atlete non professioniste

> E’ previsto un rifinanziamento pari a 20 milioni per le vittime di violenza

CIRIANI-GRIZZO: LA COPPIA SCOPPIA?

Et voilà! A proposito della robusta condanna del vicepresidente della provincia Eligio Grizzo da parte della Corte dei Conti, nei giorni scorsi, ascoltato da Messaggero Veneto come parte informata all’origine della vicenda, ho dichiarato che l’allora Presidente della Provincia Alessandro Ciriani è corresponsabile politico dell’assunzione del dirigente Grandin. Un‘accusa precisa a cui, contrariamente alle abitudini, non è seguita alcuna reazione. Sulle prime, avendo esperienza diretta, sono rimasto stupito. Poi è maturato il sospetto che l’attuale sindaco non voglia in alcun modo inserirsi nella questione e che in pratica stia scaricando il suo vicensindaco per evitare gli schizzi di fango che questa grave vicenda porta con sè. Un sintomo forse di rapporti tra i due meno felici di un tempo? Altrimenti come si spiegherebbe il silenzio di Ciriani che lascia al suo collaboratore di sempre la totale responsabilità di quanto accaduto, pur essendone in realtà corresponsabile?
Ecco la prova. GUARDATE l’immagine e LEGGETE. Mi pareva di ricordare e così sono andato a fare una ricerca a proposito di quanto ha affermato proprio lui, Alessandro Ciriani – dichiarazioni pubblicate da Messaggero Veneto il 16 gennaio 2010 – da presidente della Provincia, proprio a proposito dell’assunzione di Samuele Grandin come dirigente a capo della polizia provinciale. Si tratta di un vero certificato di corresponsabilità di quella assunzione che ha portato ora alla condanna di Eligio Grizzo da parte della Corte dei Conti. Una assunzione che, a leggere le dichiarazioni di allora dell’attuale sindaco di Pordenone, confermano esattamente la tesi: Eligio Grizzo è colpevole per la Corte dei Conti e Alessandro Ciriani è suo esplicito complice politico, in barba alle segnalazioni di irregolarità fatte allora ripetutamente dall’opposizione. Un metodo di lavoro che era probabilmente inossidabile: ognuno si occupi delle cose sue, ma stiamo tutti insieme quando c’è da coprirsi. Magari anche nelle irregolarità, come dimostrerebbe nuovamente l’impertinenza dell’opposizione che già allora rilevò come misteriosamente il Presidente Ciriani non si fosse mai assentato da alcuna riunione di giunta prima e dopo l’assunzione di Grandin. Come mai proprio in quella? Una vera fatalità, si direbbe, che ora da quella assenza sia sortita una condanna che lo trova all’asciutto, mentre il vicepresidente Grizzo, attuale vicesindaco, affonda sotto i colpi della Corte dei Conti con un risarcimento dovuto di oltre 62.000 euro.
E ora invece? La coppia al comando del municipio di Pordenone è ancora affiatata e corresponsabile? E i pordenonesi si augurano una coppia affiatata o una coppia che scoppia? Domande non banali, visti alcuni esiti della loro passata collaborazione.

SAPPADA IN FVG: RISPETTATA LA VOLONTÀ DEI CITTADINI E LE PRESCRIZIONI DELLA COSTITUZIONE.  ORA SI PROCEDA ANCHE CON IL PASSAGGIO DI CINTO CAOMAGGIORE

Il voto alla Camera che segna il definitivo passaggio di Sappada in Friuli Venezia Giulia, conclude giustamente un iter annoso (nella foto sono con Gianmarco Kratter del comitato per il distacco), nel rispetto della Costituzione che all’articolo 132 prescrive ‘Si può, con l’approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione ed aggregati ad un’altra’.
Chi anche in aula si è opposto all’approvazione e ha espresso legittime opinioni di opportunità politica, deve anzitutto confrontarsi con il dettato costituzionale e con il suo indubbio primato nell’indirizzo legislativo. Chi ha manifestato forte perplessità per il diverso trattamento riservato ai cittadini residenti in altri comuni che hanno maturato gli stessi diritti dei sappadini, si metta ora al lavoro per assicurarli. Per questo auspico che al più presto il Parlamento proceda in questa direzione, a partire magari dal passaggio di Cinto Caomaggiore la cui attesa è cominciata undici anni fa, cioè addirittura prima di Sappada. La volontà espressa democraticamente dai cittadini va rispettata proprio in ossequio alla legge. Le considerazioni di opportunità politica e gli effetti indesiderati si combattono cambiando le leggi, non evitando di rispettare quelle esistenti per calcoli più o meno astrusi.

CAMBIO DI PARADIGMA, LA NECESSITÀ DI ANDARE OLTRE IL NEOLIBERISMO

Ora alla presentazione dell’ultimo libro di Mauro Magatti, che all’esordio del suo intervento pone la domanda “cosa deve ancora succedere perché si capisca che il mondo è cambiato?
Incalza sulla stessa linea Leonardo Becchetti, con la domanda: come non accorgersi che non si possono gestire le nuove domande con le regole e gli strumenti vecchi?
Bisogna investire di più sui progetti che incrociano davvero il futuro. Le responsabilità della politica sono decisive, tanto più in campo ambientale, sottolinea Ermete Realacci che ha promosso la presentazione.
L’appello diventa sinfonia con Enrico Giovannini che cita il passaggio epocale di cambio di paradigma dal cittadino consumatore al cittadino contributore.
Per uscire da una crisi serve un cambio di paradigma. Bisogna cambiare regole e prospettive, adeguare il proprio sguardo a un modo nuovo di interpretare la realtà. E prima che si stabilisca un nuovo paradigma, una nuova normalità, esiste un momento in cui tutte le possibilità sono aperte. Mauro Magatti è uno dei più importanti sociologi contemporanei, sempre più presente nel dibattito pubblico, e dimostra che ci troviamo esattamente in quel momento. Il 2008 ha segnato l’inizio di una crisi economica che si è rivelata anche politica e culturale e ha portato alla fine di un’epoca. Fino ad allora il neoliberismo era stato il modello al quale avevamo affidato le nostre prospettive di crescita economica e di benessere. Ora quel modello è saturo, perché non più capace di rispondere alle esigenze di un mercato globale sempre più selvaggio e sregolato, né alla degenerazione della politica, sempre più populista e nazionalista. Ma questa, spiega Magatti, è una grande occasione. Perché se le vecchie regole non sono più valide, questo è il momento in cui possiamo inventarne di nuove. L’importante è avere chiara una direzione. E la direzione è quella della rinuncia alla cieca economia del consumo, per giungere a uno scambio sostenibile. “Solo la combinazione tra sostenibilità e logica contributiva può permettere di ricostruire su basi nuove il rapporto tra economia e società che il neoliberismo ha col tempo mandato in frantumi. E così rispondere alla domanda sulla natura della prossima crescita economica, nel quadro di una nuova stagione della democrazia.

Da leggere e far leggere. In primis a chi si candiderà alle prossime elezioni, politiche e regionali!

LA FRAMMENTAZIONE DELL’IDENTITÀ COME CHIAVE DEI CORTOCIRCUITI TRA VALORI DESIDERATI E RAPPRESENTANZA POLITICA

15 novembre

Oggi pomeriggio stimolante incontro in sala Aldo Moro alla Camera con Nando Pagnoncelli e Roberto Rossini, presidente nazionale delle Acli, dal titolo I cattolici tra presenza sociale e nuove domande alla politica. Il presidente Ipsos ha delineato con numeri e grafici il dato della frammentazione nel campo cattolico, con l’identità patchwork. Un dato rilevante dell’analisi è il maggiore ottimismo generale che i cattolici sembrano possedere. Una risorsa importante per il futuro del paese.

VITIGNI RESISTENTI: AL VIA LA RISOLUZIONE

Oggi finalmente, dopo oltre un anno di anticamera, abbiamo avviato in Commissione Agricoltura la discussione sulla mia risoluzione dedicata ai vitigni resistenti. Un atto di indirizzo che mira a rivedere i requisiti per considerare la produzione dei vitigni, frutto della ricerca e della sperimentazione fortemente voluta nella regione Friuli Venezia Giulia, dall’Università, dal Centro di Genomica Applicata e dai Vivai Cooperativi di Rauscedo, come produzioni totalmente assimilabili a quelle derivate da vitis vinifera, con la differenza però di non richiedere più i numerosissimi trattamenti per combattere oidio e peronospora. Un vantaggio questo non da poco, considerato che la riduzione dei trattamenti offrirà notevoli vantaggi per l’ambiente, portando maggiore sicurezza e serenità per le famiglie spesso preoccupate per i trattamenti stagionali e le possibili ricadute in termini di salute, oltre ad assicurare un vantaggio economico per i viticoltori.

EDUCAZIONE PREVIDENZIALE E INVESTIMENTI PRO WELFARE DAL RISPARMIO E DAGLI INVESTIMENTI ETICI-SOSTENIBILI

Mattinata davvero qualificata alla Camera, con iniziative che stimolano molto l’attività legislativa. Nel corso dell’apertura della settimana RSI promosso dal Forum per la Finanza Sostenibile, guidato da Francesco Bicciato e da Pietro Negri, ho sottolineato la necessità di impiegare i risparmi e gli accantonamenti previdenziali per sviluppare politiche di investimento virtuose che portino sia a ridurre le spese di gestione per le famiglie, come accade ad esempio con i finanziamenti destinati all’efficientamento energetico, sia alla progettazione di interventi con ricadute in termini di welfare, come ad esempio un piano casa dedicato ai lavoratori del comparto difesa. In materia di risparmio e di fondi pensionistici, un buon impegno per la prossima legislatura sarà anche la proposta di una legge che sostenga l’educazione previdenziale delle giovani generazioni, ancora poco consapevoli dei rischi che corrono loro e l’intero sistema nel prossimo futuro.
Tra i numerosi presenti oltre al collega Federico Ginato, il professor Leonardo Becchetti che ha tirato le conclusioni. Gradita e interessata ospite in sala anche Anna Ulian assessore presso il comune di Budoia in Friuli Venezia Giulia.

ORA! Diario del mese di ottobre 2017

25 ottobre

Pomeriggio di grande stimolo alla sala Capranichetta in piazza Montecitorio, per iniziativa dell’Accademia dei Georgofili, dal titolo “GESTIRE IL BOSCO: UNA RESPONSABILITÀ SOCIALE. Le foreste incontrano i rappresentanti della politica.
Un’occasione preziosa per fare il punto, anche in vista dell’ormai imminente arrivo in Parlamento del decreto forestale nato da un emendamento a mia prima firma che ha conferito la delega al Governo nel collegato agricolo nel 2016.
Tanti i contributi rilevanti, dal presidente dell’accademia dei Georgofili Gianpiero Maracchi, al professor Davide Pettenella del Tesaf dell’Università di Padova, da Raoul Romano del Crea, ad Alessandra Stefani del Mipaaf… E poi anche gli interventi qualificati di qualche mio collega come Enrico Borghi e Giuseppe Romanini.
Nel mio intervento trae molte questioni sollevate ricordo quello legato all’impatto culturale richiesto per invertire la rotta in materia di gestione forestale. Dall’analisi dei flussi in entrata ed uscita dai boschi, al tema della scuola e della formazione professionale… c’è uno spazio enorme da occupare creativamente per cambiare la mentalità nei confronti dei boschi, da quella che impedisce e vieta a quella che stimola e aiuta la gestione.

23 ottobre

GLADIO: UNA VICENDA DA RACCONTARE
Ora in Sala Degan presso la Biblioteca Civica di Pordenone si tiene la presentazione del libro “La strategia del gatto”, organizzata dall’associazione Centro di documentazione e ricerca sulla Guerra Fredda.
Un dialogo con i due autori Laura Sebastianutti e Franco Rosolini per parlare del più grande mistero italiano della Guerra Fredda.

22 ottobre

Ora a Dardago per il secondo convegno regionale di studio VIAGGIO NEL MONDO DELLO ZAFFERANO. Un percorso che continua e si allarga, dimostrando come la diffusione delle produzioni di nicchia alimentano positivamente la cultura di territorio e innescano un circuito virtuoso di collaborazione. Importante a questo proposito la presenza di ERSA, con la brava dottoressa Venerus, che ha confermato il percorso verso l’accreditamento del marchio AQUA per lo zafferano di Dardago.

Nelle conclusioni al convegno presenterò gli impegni proposti al Ministero dell’Agricoltura attraverso una risoluzione messa a punto anche in collaborazione con l’Associazione Zafferano Italiano. Da annotare che al deposito l’atto è stato sottoscritto da numerosi colleghi parlamentari, in particolare con provenienza dalle regioni Abruzzo, Sardegna e Umbria dove la coltivazione dello zafferano è sviluppata da più tempo.

21 ottobre

Stamattina sono ad Azzano Decimo (PN) per un incontro di educazione civica con le classi terze della scuola media “Luigi Luzzatti”.
Assieme ai ragazzi parliamo di democrazia rappresentativa e di diritto di voto per apprendere la necessità di partecipazione, caratteristica fondamentale del buon cittadino.

20 ottobre

Ora sono presso il centro Glorialanza di Villanova all’assemblea del Circolo PD di Pordenone per parlare della proposta di legge sullo ius soli temperato e ius culturae

 
18 ottobre

SERVIZIO IN CAMERA ALLE ACLI DI ROMA

Dopo l’incontro a Palazzo Montecitorio, io e Ugo Furlan siamo ospiti delleAcli Di Roma per la presentazione del mio Libro “Servizio in Camera”, introdotti dalla presidente Lidia Borzì

***

Presentazione del libro “Servizio in Camera” nella sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio.

SERVIZIO IN CAMERA A PALAZZO MONTECITORIO

A breve in Sala Aldo Moro a Palazzo Montecitorio con la Rete: Amici della Fondazione Achille Grandi, Fondazione Achille Grandi e Argomenti 2000 presenterò il mio libro “Servizio in Camera. Cosa fa e come lavora un parlamentare” (ed. Sonzogno, 2017).
Introdurrà il mio collega Francesco Prina e il dialogo sarà condotto da Sergio Amici, Presidente della Associazione Stampa Parlamentare.
Interverranno anche la vicepresidente Marina Sereni e i colleghi Simona Flavia Malpezzi e Gianni Melilla.

17 ottobre

ALIMENTAZIONE, CHIAVE DI VOLTA PER LA SALUTE NELL’INFANZIA
Ora in Commissione Bicamerale infanzia e adolescenza per una audizione relativa all’indagine conoscitiva sulla condizione di salute nell’età evolutiva. Tra gli altri oggi ascoltiamo a proposito di nutrizione il professore Andrea Vania, del Dipartimento di Pediatria presso l’università La Sapienza di Roma. Gli inizi sono tutt’altro che incoraggianti, dato che la prima osservazione è relativa al bassissimo numero di ore di insegnamento previste nel curriculum degli studi a proposito di alimentazione. Il secondo tema di allarme è quello relativo allo sviluppo della obesità, con la scarsa preparazione alla prevenzione non solo delle famiglie. Si parla di ambiente OBESIOGENO e devo dire che già la parola, con la carica di ogni neologismo, procura il suo effetto di spavento!

16 ottobre

PROPRIETÀ’ COLLETTIVE: INIZIA LA DISCUSSIONE IN AULA

Oggi alla Camera sono intervenuto durante la discussione generale sulla sulle linee generali della proposta di legge recante norme in materia di domini collettivi (A.C. 4522), che verrà votata in Aula nei prossimi giorni.

Il testo completo del mio intervento: https://www.giorgiozanin.com/intervento-in-aula-sulla-prop…/

13 ottobre

Ottimo concerto per organo e percussioni a Savorgnano di San Vito al Tagliamento, promosso dall’associazione ALEA nell’ambito del ciclo INCONTRI. Una occasione giunta alla decima edizione, che si fonda sull’incontro musicale tra culture musicale geograficamente distanti, con l’intenzione di costruire ponti culturali. Un ponte che attraversa anche il tempo musicale, con un repertorio moderno. Dato che i protagonisti sono tutti giovani, a partire dall’ottimo direttore artistico Marco Bidin, di fronte a questa magnifica esperienza, invece di lamentarsi della “fuga dei cervelli” è il caso di impegnarsi per costruire i “ponti per i cervelli”.

7 ottobre

Ora presso la sala dei Vivai Cooperativi Rauscedo si tiene il convegno “La viticoltura tra 10 anni. Le Radici del Vino: 100 anni di storia per immaginare il futuro” organizzato all’interno della manifestazione ‘Le Radici del Vino’.
Assieme a me intervengono Eugenio Sartori direttore generale Vivai Cooperativi Rauscedo, Giorgio Giacomello di Fedagri, Attilio Scienza professore ordinario in Viticoltura dell’Università degli Studi di Milano, Marco Zullo parlamentare europeo membro della Commissione agricoltura, Giuseppe Pan assessore all’agricoltura della Regione Veneto e Cristiano Shaurli assessore alle risorse agricole e forestali della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia.

6 ottobre

Ieri pomeriggio ancora un momento qualificato di formazione per gli AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO promosso dall’associazione Insieme per la solidarietà. Tante persone che testimoniano la generosità e il sostegno ad un istituto giuridico avanzato, di cui avremo sempre più bisogno, stante l’evoluzione demografica dell’Italia. Grazie dunque a quanti si impegnano in questo servizio e a quanti si attivano per farlo conoscere, coinvolgendo nuovi volontari.

5 ottobre

Mattinata di lavori al convegno Condifesa FVG al teatro Arrigoni a San Vito al Tagliamento, con la regia attenta di Daniele Giacomel. Una buona occasione per approfondire il tema dei rischi in agricoltura, nel contesto sempre più evidente dei cambiamenti climatici. Una materia su cui da tempo sono concentrati anche i lavori parlamentari, dalla mia risoluzione sull’agricoltura nel cambiamento climatico in vista della COP21 di Parigi nel dicembre 2015, alle risoluzioni specifiche del maggio 2017, passando per la delega al governo conferita con il collegato agricoltura, la cui scadenza è ormai imminente. Non a caso in commissione agricoltura abbiamo avviato una strategica indagine conoscitiva, che sta portando in luce le criticità del sistema e le scelte necessarie per far tornare a crescere un settore, quello assicurativo, che ha visto una consistente flessione nell’ultimo triennio.

SCIOPERO DELLA FAME PER LO IUS SOLI

Assieme al min. Graziano Delrio, Gian Piero Scanu, Sandra Zampa, Monica Cirinnà e altri colleghi deputati e senatori, ho aderito all’appello lanciato dal collega sen. Luigi Manconi.
L’iniziativa prevede un digiuno di un giorno a staffetta – a partire da oggi – a sostegno della richiesta della presentazione in Aula il prima possibile del disegno di legge sullo ius soli per l’approvazione entro la fine della legislatura e prende esempio dalla manifestazioni del 3 ottobre – giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione – di oltre 900 insegnanti di tante scuole italiane che hanno attuato uno sciopero della fame a sostegno della legge e hanno informato i loro studenti del significato della propria azione.

http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/10/04/ius-soli-ministro-delrio-aderisce-allo-sciopero-della-fame_cd10ea33-3b7d-4cdb-bd56-7eacee4698ef.html

3 ottobre

Ora in Commissione Agricoltura per la discussione e il voto del parere sul DEF, Documento di Economia e Finanza 2017 che ho predisposto come relatore.
Un passaggio importante, anche per confermare alcuni dati strutturali dell’economia italiana che grazie a riforme e interventi registra uno scenario di crescita superiore alle aspettative, all’1,5% rispetto all’1,1% previsto nella scorsa primavera.
Sebbene le agricolture mondiali siano in difficoltà a causa della caduta dei prezzi agricoli, il quadro delle esportazioni nazionali del comparto agroalimentare registra un +7,2%.
Bisogna dunque proseguire su questa strada, sostenendo tra l’altro nella prossima legge di bilancio le misure a favore dell’occupazione giovanile, la creazione di un fondo strutturale a sostegno delle filiere strategiche, la revisione della cd Sabatini con le agevolazioni finanziarie per gli investimenti, il sostegno al comparto idrico e al settore irriguo con investimenti per la realizzazione di piccoli e medi invasi.

2 ottobre

Intervista a Michele Filippini, Presidente della Consulta Nazionale della proprietà collettiva, che sarà presenta all’incontro Proprietà Collettive: ecco la nuova legge nazionale a San Marco di Mereto di Tomba (UD)

Intervista a Michele Filippini, Presidente della Consulta Nazi…

Intervista a Michele Filippini, Presidente della Consulta Nazionale della proprietà collettiva, che sarà presenta all'incontro Proprietà Collettive: ecco la nuova legge nazionale a San Marco di Mereto di Tomba (UD)

Pubblicato da Giorgio Zanin su Lunedì 2 ottobre 2017