LE FORESTE ITALIANE FINALMENTE VERSO UNA PIENA VALORIZZAZIONE

Oggi affrontiamo con le Commissione congiunte Agricoltura (nella foto sono insieme ai colleghi Cova, Prina e Terrosi) e Ambiente la discussione per mettere a punto il parere sul decreto legislativo in materia di filiere forestali. Un decreto che fa seguito ad un mio emendamento che ha dato delega al governo, di cui abbiamo avuto modo di parlare ripetutamente anche in Friuli Venezia Giulia e che ha portato alla pubblicazione Bosco 2.0. Si tratta di un riordino nazionale di valore strategico, atteso a lungo, frutto del lavoro caparbio dell’intera filiera che parte nei boschi e si conclude nella miriade di imprese che valorizzano la materia legnosa. Una norma che contribuisce a rendere i boschi, attraverso la gestione, una risorsa economica e un fattore di sviluppo per le comunità locali, soprattutto nelle aree interne, oltre che fattore paesaggistico e di prevenzione al dissesto idrogeologico. Una norma coerente tra l’altro con le recenti leggi dedicate ai Piccoli Comuni e ai Domini collettivi.

Come relatore del parere, insieme al collega Enrico Borghi, raccoglieremo nei prossimi giorni gli elementi migliorativi da proporre come osservazioni e come condizioni al Governo.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.