LO SCIOGLIMENTO DELLE CAMERE E LA CONVOCAZIONE DELLE ELEZIONI

Ecco qualche semplice informazione.
– in questo periodo non esiste vacanza, il Governo continua a svolgere le funzioni che gli sono assegnate dalla Costituzione. Perciò l’attività del Governo non si ferma ed ecco anche perché era fondamentale che non ci fosse alcun atto di sfiducia precedente allo scioglimento.
– anche l’attività parlamentare ha un suo proprio sviluppo in questa fase. Ad esempio il prossimo dieci gennaio le commissioni Agricoltura e Ambiente si riuniscono per emanare il parere sul decreto forestale emanato dal Governo. Un atto di notevole portata anche per gli interessi diffusi nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia, di cui sono nominato relatore e che fa seguito alla delega che io stesso ho proposto tramite emendamento nel 2015.
– le elezioni nel 2013 si svolsero il 25 febbraio. La legislatura ha dunque avuto una piena durata per i cinque anni previsti ordinariamente. Nelle settimane prossime consiglio a tutti di spendere un po’ di tempo per conoscere meglio la legge elettorale, che prevede tra l’altro la possibilità di votare ed eleggere in modo diretto e maggioritario il deputato e il senatore che si preferisce nel proprio collegio elettorale.